ISO 9001 / 2015 : una opportunità di Sviluppo del Business quasi mai veramente sfruttata…

E’ ormai così diffusa la (cattiva) abitudine di vedere la Certificazione Qualità come uno sterile adempimento burocratico, che anche l’ “epocale” sviluppo del modello 2015 è passato quasi inosservato .

La “de-burocratizzazione”, la personalizzazione sui reali mezzi e risorse, la Valutazione dei Rischi e la completa integrazione fra processi, risultati, e reciproca soddisfazione di clienti, fornitori, dipendenti ed ambiente, la rendono infatti uno dei più potenti sistemi di sviluppo del Business oggi esistente, e per ogni tipo di Azienda .

Ne è riprova la sua progressiva e continua integrazione nei sistemi peculiari di molti settori (es/ IATF 16949 Automotive, AS 9100 Aerospaziale, ISO 13485 Bio-Medicale) ed i continui richiami nelle attività ed i processi più avanzati per l’Industria 4.0 e la Cyber Security.

Come si usa? Analizzandone accuratamente le sue linee guida e costruendo con esse un modello organizzativo ( ed operativo ! ) personalizzato per gli scopi, obiettivi e risorse della nostra Azienda, allineando TUTTE le forze e risorse al nostro obiettivo : Successo e Crescita.

Non è facile, naturalmente. E non può essere delegato al solo Responsabile Qualità ( il tutor, il legante, e l’esperto di riferimento per le iniziative ), ma parte direttamente dal più alto livello Aziendale (CEO, DG, Imprenditore) e richiede necessariamente il coinvolgimento e la motivazione di tutti i livelli decisionali, che forniranno regolarmente i mezzi necessari, in tempo, decisioni e risorse.

Alcuni esempi pratici ed operativi (e dirompenti !) :

  • Analisi del Contesto e Revisione della Direzione (Management Review)Una semplice Analisi SWOT (Punti Forti, Punti Deboli, Opportunità e Minacce) della situazione di Business permetterà di identificare rapidamente i processi più importanti (per il Business), i loro obiettivi ed indicatori e le iniziative e risorse a sostegno (il piano). Le successive Revisioni della Direzione non saranno altro che le riunioni congiunte dei primi responsabili decisionali che ne valuteranno e svilupperanno ulteriormente i risultati.

    NOTA: Non c’è differenza tra un Piano Qualità ed un Piano di Business : La Qualità è nata per sviluppare il Business, ed oggi lo fa integrando ed indirizzando tutte le risorse esistenti al mantenimento ed allo sviluppo dei Clienti, migliorando continuamente le prestazioni di tutti i processi aziendali

  • Audits Interni  – Una attività considerata (ma non detta…) tra le più fastidiose…Premesso che verificare e mantenere la mancanza di errori ed il rispetto di regole e procedure aziendali dovrebbe essere il compito (istituzionale) di ogni responsabile dell’organizzazione, avete mai pensato di far fare gli audits regolari di processo agli stessi responsabili dell’Azienda, i più esperti e con team misti ? Con queste modalità :
    • Audits finalizzati alla sola individuazione dei punti di miglioramento (garantiscono collaborazione e valore aggiunto e, nel caso ci siano mancanze, queste vengono comunque rilevate )
    • Impegno (pianificato) per ogni manager di soli 1-2 audits l’anno di 1, max 2gg, in team con colleghi o specialisti del processo in esame. Necessarie, però, per loro 2 gg di formazione iniziale sulle modalità di Audit.

    I risultati saranno importanti e continui, e si eviteranno i costi non necessari di una organizzazione interna di audit.

  • Gli indicatori ed i KPI
    “non si migliora quello che non si misura…” E’ da decenni un principio base della Qualità, ma la costruzione e l’uso di indicatori non è sempre facile in tutti i Processi, specie in Progettazione, nelle Vendite, nell’Organizzazione, o nel MKTG.

    Ma se c’è qualcosa che TUTTI (ed a tutti i livelli) sapranno sempre misurare è il denaro entrato (od uscito) nell’ Azienda ed il tempo perso o risparmiato in ogni attività ( e che tramite il costo orario si trasforma immediatamente in denaro…)

    Da questa riflessione di base si può costruire quasi ogni indicatore, e quale migliore parametro si può usare per misurare l’efficacia del Business e motivare l’operato ed il coinvolgimento di tutti ?

Questi sono solo alcuni degli esempi che dimostrano l’incredibile capacità di sviluppo e di versatilità insita nelle linee guida della ISO 9001 /2015, e che è limitata solo dalla fantasia e dalla volontà di Imprenditori e Managers .

Vale la pena spendere tempo e risorse per sviluppare il modello più idoneo al nostro Business ed alla nostra Azienda ?

Perché no ? Se siamo certificati 9001 ne stiamo già pagando e sostenendo i costi, perché non ottenerne anche i vantaggi ?

E se ci sono difficoltà…l’uso di un Temporary Manager è quasi sempre la soluzione più economica ( e più rapida ) per costruire o consolidare la giusta strada, utilizzandone esperienza e competenze solo per quanto necessario e per il tempo voluto.

 Ildebrando Aldrovandi

Ti piace questo articolo?

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Linkdin
Condividi su Whatsapp

Lascia un commento